Conosciamo i tarocchi degli Angeli

Una branca molto particolare dei tarocchi è data, per l’appunto dai tarocchi degli Angeli. Cosa ci comunicano le figure angeliche? Possiamo scoprirlo con una lettura adeguata.

I tarocchi degli Angeli si fondano su figure diverse da quelle dei tarocchi tradizionali, e, si dice che, in tal caso, il messaggio, seppur basato sul nostro quadro astrale, derivi da ciò che le figure angeliche ci comunicano. Vediamo come, e maggiori dettagli sull’argomento.

I tarocchi degli Angeli e la loro essenza

A tal proposito, si afferma, con riferimento alla peculiarità del tipo di tarocchi, che le figure rivelatrici scelte siano molto particolari, poiché costituiscono un collegamento fra il Cielo e la Terra.

Non a caso, gli Angeli stessi sono visti come intermediari fra l’Umanità e il Divino. La figura dell’Angelo custode, al riguardo, assume un ruolo centrale, anche se la stessa carta andrà letta, nel suo significato, in relazione anche ad altre figure angeliche.

La scelta della carta principale

La carta principale è quella dell’Angelo custode, e la medesima non può essere scelta a caso. Vi è una differenziazione di tempo, ossia il giro di pochi giorni, ognuno dei quali corrisponde ad un Angelo custode.

Si afferma che, il messaggio che scaturirà alla fine dai tarocchi, sia quello che gli Angeli vogliano farci giungere in quel dato momento. Esso, molte volte, appare più come una sorta di raccomandazione. Vi è quindi una differenza rispetto al messaggio “standard” che ci giunge grazie al consulto tradizionale.

Come vengono letti i tarocchi degli Angeli

Vediamo ora la modalità di lettura per questi tarocchi. Una volta selezionata, non a caso, la carta del proprio Angelo custode, la quale assume, come si è visto, rilevanza centrale, andranno scelte altre carte. Al momento della scelta, si domanderà l’illuminazione per farlo.

Quindi, senza pensarci troppo, verranno selezionate altresì le altre carte. Il mazzo di tarocchi degli Angeli è composto da 78 carte, delle quali 22 corrispondono agli Arcani maggiori. Qual è il loro ruolo? Gli Arcani maggiori indicano la strada maestra, quindi, se nella selezione c’è anche uno o più Arcani maggiori, gli stessi influenzeranno la lettura con le loro linee fondamentali tracciate. Se, viceversa, nel quadro di tarocchi estratto non ci sono Arcani maggiori, non vengono messe in evidenza necessità particolari.

Una volta avuto il quadro così delineato, chi si occupa della lettura dei tarocchi, procederà con la formulazione del responso. Lo stesso deriva, per come si accennava, dall’interpretazione congiunta fra tutte le carte, e, in particolare, fra la carta dell’Angelo custode, in relazione a tutte le altre estratte.

Altro argomento importante: la lettura può essere rivolta ad un’altra persona. Si può infatti richiedere il consulto per una persona cara, magari per la quale si nutrono delle preoccupazioni, o una preoccupazione in particolare. Quel che conta, è saper individuare la carta del suo Angelo custode, e, per il resto, affidarsi ad un’illuminazione.

La disponibilità online del servizio

Il servizio di consultazione afferente risulta anche disponibile online, spesso a costi contenuti. Basterà inserire i dati richiesti nel form che apparirà e scegliere la modalità di ricezione del messaggio. Per ulteriori info sulla lettura da porre in essere, visitate il link.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.